Video whiteboard: cosa sono e come si creano

Video whiteboard

Video whiteboard: cosa sono e come si creano

I video whiteboard sono filmati in cui si utilizza una lavagna bianca per fornire una spiegazione, raccontare una storia o far conoscere un prodotto: ecco perché sono fondamentali per una strategia di digital marketing. Ce ne parla nel dettaglio lo staff di Video-Animati.it.

Comunicare informazioni in modo efficace e al tempo stesso immediato è facile grazie ai cosiddetti whiteboard video, che aiutano a veicolare i messaggi che si è interessati a promuovere con un approccio diretto e privo di fronzoli. Si tratta di filmati in cui si usa una lavagna bianca per comunicare; ma la lavagna è virtuale, così come il pennarello che si usa per scrivere. Gli esperti del settore sono concordi nel ritenere che la lavagna debba essere per forza bianca: non nera, quindi, e nemmeno di altri colori. La superficie bianca, infatti, viene considerata ideale per far apparire il contenuto, in un certo senso, più pulito, e quindi di più facile fruizione. Al contrario, uno sfondo colorato potrebbe essere fonte di distrazione per lo spettatore.

Le caratteristiche ideali di un video whiteboard efficace

La realizzazione di un flusso di animazioni è una delle caratteristiche più importanti per un video di questo tipo. Il contenuto del filmato deve risultare il più possibile dinamico, e prendere vita come avviene quando un docente alla lavagna scrive, cancella, aggiunge, modifica, corregge, e così via. In concreto, questo vuol dire – per esempio – che le varie animazioni devono essere collegate le une con le altre: in questo modo si aumenta il livello di naturalezza del prodotto finale, e si accresce anche il grado di coinvolgimento. Per rendere l’effetto complessivo più umano e più realistico, inoltre, può essere una buona idea mostrare la mano che scrive.

Lo stile del video

Certo, per farsi ricordare è indispensabile fornire un tocco personale, che dipende anche dallo stile che si vuol dare alla creazione. Può essere impegnativo in un primo momento conferire alle animazioni un aspetto soggettivo e unico: per questo motivo, una volta che lo si sarà trovato non lo si dovrà più abbandonare. Ma in termini pratici, come si può fare? Sono diversi gli aspetti che entrano in gioco da questo punto di vista: le caratteristiche delle linee, per esempio, ma anche i font. In base all’identità del proprio marchio, dopo aver trovato degli aspetti peculiari bisogna mantenerli ed evitare di cambiarli. È così che ci si potrà rendere riconoscibili agli occhi degli utenti.

Intrattenimento e coinvolgimento

Essere noiosi è un peccato mortale, soprattutto perché la progettazione e la realizzazione di un video whiteboard comportano un impegno notevole e un investimento consistente, in termini di tempo e di denaro. L’obiettivo che ci si propone di conseguire, con un contenuto di questo tipo, è quello di fornire una spiegazione accattivante. Come si fa, allora, a costruire un video che sia sì informativo ma che non risulti eccessivamente accademico? Per coinvolgere lo spettatore, e fare in modo che non clicchi per andarsene, si deve azzardare, con un pizzico di coraggio; magari scegliendo uno o più personaggi animati. Le regole sono fatte per non essere rispettate, verrebbe da dire.

Quale impronta dare al proprio video

Se è vero che uno stile didattico può essere presente, è altrettanto vero che esso non deve risultare preponderante, proprio per non correre il rischio di annoiare. L’interesse degli spettatori può essere suscitato con l’aiuto dei colori, per esempio (a questo proposito, è sempre bene riprendere le tonalità cromatiche del logo aziendale), e magari scegliendo una musica ad hoc. Il consiglio è di uscire dagli schemi, cercando di pensare in modo divertente: è per questo motivo che conviene utilizzare dei piccoli pupazzi animati. Questi possono fare da controcanto, per esempio per fare delle domande, per dare dei consigli o per punteggiare il racconto con dei momenti divertenti.

Insegnare è importante

L’idea è quella di riuscire a insegnare senza che lo spettatore si accorga di essere impegnato in un processo di apprendimento. Così, alla fine del video l’utente sarà contento e orgoglioso di avere imparato qualcosa di nuovo anche perché lo avrà fatto rilassandosi e divertendosi. I whiteboard video hanno lo scopo di aumentare la conoscenza altrui.

A chi rivolgersi

Improvvisare è la scelta più sbagliata che si possa prendere in questo campo: per creare uno o più video whiteboard di qualità c’è bisogno della competenza e dell’esperienza di professionisti del settore. Così, ogni dettaglio può essere studiato e nessun particolare viene lasciato al caso. I professionisti consigliano di predisporre un copione, o comunque almeno una scaletta, in cui sia riportato tutto quello che si ha in mente di comunicare. Così, la registrazione sarà più efficace e rapida, senza errori. Proprio come un attore, poi, chi fa da voice over in un video di questo tipo dovrebbe prima fare delle prove e allenarsi, così da riuscire a comunicare nella maniera migliore possibile, senza alcun tipo di forzatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.