Casse portatili bluetooth con ventosa

Innovative, versatili, impermeabili, pratiche e potenti: se non avete ancora capito, stiamo parlando delle casse portatili bluetooth, le eredi degli impianti stereofonici che molti di noi ricorderanno come colonna sonora della loro gioventù, quando, in fondo come ora, la musica era la compagna di ogni momento della giornata e, a volte, anche della notte. Ma, abbandonando nostalgici ricordi, e tornando tecnologicamente ai nostri giorni…possiamo dire che gli altoparlanti senza fili sono indubbiamente una delle soluzioni più interessanti nel panorama attuale della diffusione sonora, comodissimi per la loro interfaccia con qualsiasi dispositivo mobile wireless senza cavi né fili per il collegamento.

Compatte e, soprattutto, piccole, leggere e portatili, queste casse possono funzionare sia all’aperto, per esempio in spiaggia, in bicicletta, o durante una passeggiata, sia in ogni ambiente chiuso, e persino sotto la doccia! Infatti, una delle particolarità più rilevanti di questi speaker bluetooth è proprio l’impermeabilità, così come la resistenza agli spruzzi, tanto che, vista l’ormai diffusissima richiesta, molti brand di consolidata fama tecnologica, fra le maggiori case produttrici di dispositivi informatici, hanno messo sul mercato diversi modelli, per ogni esigenza e per tutte le tasche, dalle poche decine di euro fino a diffusori di alto livello, con una risonanza notevole, anche a livello professionale.

E proprio una delle loro particolarità più accattivanti è data dal livello di protezione che le rende totalmente immuni alle gocce d’acqua e, in linea di massima, all’umidità, allontanando pertanto qualsiasi problema di ossidazione e di corrosione. Infatti, i circuiti interni di questi speaker che trasmettono audio con tecnologia wireless rimangono sempre integri, dando così la possibilità di ascoltare musica o addirittura rispondere ad una chiamata telefonica dal proprio smartphone, pc, lettori MP3 o tablet, tranquillamente anche sotto la doccia, persino se il device trasmettitore non è a portata di mano, evitando così il fastidio di uscire completamente bagnati per rispondere o per ascoltare meglio suoni e parole.

Naturalmente, per una comodità di utilizzo, le casse bluetooth in questione devono essere o appese tramite un morsetto, magari da attaccare ad un gancio pendente nel bagno, o, meglio ancora, tramite una ventosa, generalmente in gel di silice, con la quale è possibile fissarle alla parete del box doccia in maniera adesiva, senza viti o altro, semplicemente facendo presa sulle mattonelle. Complete di microfono incorporato, questi altoparlanti funzionano quindi anche da vivavoce, dialogando con i più diffusi telefoni cellulari, fra cui ovviamente Apple, Samsung, Huawei, HTC, Sony, ma anche con i lettori MP3 e in generale con tutti gli apparati in grado di connettersi in modalità wireless, in materiali antiurto, antipolvere e, come abbiamo detto, impermeabile, con livello di certificazione idrica fino a IP68 (immersione oltre il metro). Ma cosa significa precisamente?

Negli ultimi tempi, in effetti, si sente spesso parlare di certificazioni IP per i nostri smartphone e gli altri dispositivi informatici e, con la diffusione sempre più capillare di modelli dotati di questa caratteristica, può essere interessante chiarire il concetto. La sigla “IP”, che corrisponde a International Protection Rating, è l’acronimo che identifica il marchio internazionale di protezione; come definito dalla normativa internazionale IEC 60529, che classifica i gradi di tutela degli apparecchi nei confronti dell’intrusione di corpi solidi, polvere, liquidi e contatto accidentale. Tra le altre informazioni, questa norma fornisce precisi dettagli sul termine “impermeabile”, a volte utilizzato in maniera vaga. L’acronimo è sempre seguito da due numeri che corrispondono, rispettivamente, alle particelle solide e a quelle liquide. Partono dallo 0 (a volte sostituito dalla lettera X) e arrivano sino all’8, o meglio la numerazione internazionale arriva anche al 9, ma non nel caso dei device e, ovviamente, più la cifra è alta, maggiore è il grado di protezione.

Possono dunque essere anche totalmente immerse in acqua, senza problema e, volendole pulire, non bisogna far altro che risciacquarle, magari sotto lo stesso getto corrente della doccia. Sono davvero ideali in ambienti particolarmente umidi, non solo nel bagno, dunque, ma anche in cucina, proprio perché resistenti ai vapori e, grazie al pratico aggancio alle piastrelle mediante ventosa, possono essere attaccate ad ogni superficie liscia.

Come abbiamo detto, sempre più produttori di device informatici stanno sostituendo i tradizionali jack audio per affidarsi a soluzioni wireless, con vantaggi notevoli nella riproduzione audio, proprio per quanto riguarda le casse bluetooth. Tre, in particolare, sono i maggiori punti di forza:

  • Nessun filo in giro per casa, né limitazioni di spazio per attaccare ad una presa di corrente, situazioni che a volte potevano ingombrare e limitare l’utilizzo
  • Massima portabilità, sia in interni che outdoor
  • Possibilità di far partire la musica preferita anche senza essere fisicamente vicino alla cassa.

È pur vero, però, che tendenzialmente, gli speaker senza fili, soprattutto quelli più economici, si scaricano con una certa frequenza, magari anche presentando spiacevoli ritardi nella riproduzione e, (non sempre, ma può succedere) possono essere sacrificate le qualità di un buon audio, di solito per ottimizzare la portabilità. Chi decide, quindi, di acquistare delle casse bluetooth deve perciò decidere se privilegiare la praticità piuttosto che altri fattori, valutando tutti i parametri e i consigli a riguardo.

Volendo utilizzare un modello a ventosa, la scelta ricade su uno speaker di ultima generazione: una buona nota è verificare, al momento dell’acquisto, con quale versione bluetooth funziona il dispositivo, in modo da assicurarsi la garanzia di una compatibilità totale con i più evoluti smartphone sul mercato. Solitamente il modello a ventosa è dotato di un duplice sistema di fissaggio, adesivo e con un gancio, in plastica pesante o in lega di alluminio, per poterlo utilizzare in qualsiasi condizione. È possibile scegliere modelli che abbiano anche incorporati la radio e un microfono, insostituibili per chi, persino quando è sotto la doccia, non vuole interrompere la conversazione telefonica nemmeno per un attimo!

Scopri la nostra guida: Come scegliere una cassa bluetooth? Tutto quello che devi sapere

L’alimentazione avviene tramite batterie al litio, che vengono ricaricate con cavetto USB. L’autonomia di utilizzo e di riproduzione può durare anche diverse ore, fino a 10/12. Come abbiamo detto, tutti i modelli impermeabili possiedono una ventosa che si attacca a qualsiasi superficie liscia, come piastrelle di ceramica, mattonelle, ma anche parquet e linoleum. Presentano diversi tasti, a seconda delle varie funzioni (risposta chiamate, speaker on/off, pausa, volume, cambio stazione) in maniera pratica ed evidente, con simboli che ne facilitano l’uso, e con uno schermo luminoso LCD per avere tutte le funzioni immediatamente sotto controllo. La resistenza idrica è sempre certificata, ovviamente, almeno con codice IP67, che garantisce resistenza all’acqua e alla polvere.  Dal punto di vista della qualità audio, la cassa portatile bluetooth con ventosa offre bassi dinamici e potenti, acuti penetranti e medi morbidi, con un diffusore acustico di buon effetto sonoro generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.