Le funzioni (nascoste) che Google propone agli utenti

google sicurezza account

 

Google mette a disposizione dell’utente decisamente più funzioni di quelle che promuove, così che spesso non si conoscano le effettive possibilità che pure si hanno, per personalizzare come si desidera la propria esperienza sul web. Per ottenere quindi un utilizzo che corrisponda esattamente ai propri desideri, specie in materia di privacy, ecco una lista di funzioni “nascoste” che è interessante invece tenere in considerazione.

2 Step-Verification: Aggiunge un secondo livello di protezione al proprio account Google e prevede l’attivazione di una seconda password necessaria per completare il processo di login all’account google. Sebbene questo allunghi naturalmente l’azione di accesso, il guadagno in termini di sicurezza è rilevante. Per poterne sfruttare le funzionalità è sufficiente raggiungere il link

 e seguire le istruzioni, tenendo a mente che sarà necessario fornire il proprio numero di telefono cellulare.

Shared Endorsements è una funzione che permette di linkare immagini a compagnie di propria scelta, ad esempio per caratterizzare al meglio un prodotto che abbiamo gradito.

Email attraverso Google+ : è una funzione aggiunta di recente, che permette di spedire email agli utenti Google+ anche se non si conosce il loro indirizzo gmail. E’ una funzionalità al centro di diverse polemiche, ed è possibile proteggersi dalla ricezione in tale modalità con pochi passaggi di cui parleremo in un articolo futuro.

Account Permissions:  è una pagina nella quale sono listati tutti i dispositivi, i servizi e le applicazioni che hanno il permesso di accedere al proprio account Google. Queste autorizzazioni possono essere derivate da un esplicito consenso dell’utente, o derivare da permessi “nascosti” forniti ad esempio attraverso un dispositivo Android: è bene controllare periodicamente questa lista per essere sicuri di chi legga le nostre informazioni.

Attività Recenti: è una sezione in cui è possibile visualizzare le attività più recenti inerenti all’account Google, come ad esempio la creazione, il cambiamento di password; l’accesso all’account ed altro ancora. Per ciascuna voce è associata la data ed il luogo in cui è avvenuta l’operazione. Anche in questo caso è bene tenere sott’occhio la sezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.