Nuovi SSD per il Macbook Air.

Nonostante gli Ssd non stia spopolando a causa del loro processo eccessivo, ci sono aziende che credono in questa tecnologia e continuano ad investire anche ricercando soluzioni nuove.  In questo caso l’azienda si chiama Other World Computing, più conosciuta con il OWC e che ha presentato delle soluzioni per il Mac e precisamente per il modello  MacBook Air 11.1″ e 13.3″ . Secondo l’azienda, questa nuova tecnologia, fornirà prestazioni davvero elevate che saranno superiori del 70% rispetto a quelle dei sistemi tradizionali.

Effettivamente le soluzioni sono pensate per la fascia alta del mercato, ma quali sono le differenze rispetto agli SSD visti sino ad oggi? Ebbene la cosa più importante è la connettività: infatti avrà un tipo di connessione Msata che è un nuovo tipo di connessione che ha forma simile alle RAM dei computer. Secondo il produttore si dovrebbero raggiungere velocità eccellenti: 275Mb al secondo in scrittura e la lettura sarà sequenziale. Naturalmente se i prezzi degli SSD sono già abbastanza elevati, è chiaro che questi modelli molto più performanti non possano costare poco. Avremo a nostra disposizione ben 4 modelli di scelta in base alle nostre esigenze: ci sarà la possibilità di averlo da 180GB e costerà 480$, la taglia da 240GB ed il costo si alzerà a 580$. Ci si aspetterebbe adesso una crescita abbastanza in proporzione e quindi potremmo pensare che il doppio della capacità porti al raddoppio del prezzo.  In realtà non è così: infattti per avere un maggiore spazio servono dei chip con una maggiore potenza a causa dellle piccole dimensioni degli apparecchi. Quindi se abbiamo bisogno di 360Gb avremo un esborso di 1180$ e se vogliamo mezzo terabyte allora dovremo spendere 1580$. Cifra davvero elevate che non sono certo in linea con le possibilità economiche di tutti, inoltre bisogna anche valutarne la convenienza: anche avendo molti soldi a disposizione penso sempre che questi SSD costino molto ma alla fine non aggiungono prestazioni così superiori agli hard disk standard e soprattutto non durano così a lungo coeme si vuole far credere: prova ne è che ne ho cambiati personalmente due in pochi mesi!

E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.