Anche AMD produrrà ” Ultrabook”.

Pochi sanno che Ultrabook non sia un nome generico con il quale ci si riferisce ai portatili di ultima generazione, leggeri e sottili dalle prestazioni elevate. Ultrabook è stato coniato dalla stessa Intel che chiama così i propri dispositivi ed è per questo motivo che nessun altro concorrente potrà denominare allo stesso modo i propri prodotti. Fatta questa precisazione possiamo dire che anche AMD sembrerebbe interessata ad investire in questo settore: effettivamente le stime di mercato dicono che fra 3 anni gli Ultrabook saranno i computer portatili maggior presenti sul mercato e naturalmente AMD non vuole che Intel possa dominare in questo settore per il fatto che non si sono ideate subito soluzioni per contrastare il rivale commerciale. Per questo motivo anche AMD ha deciso di produrre dei propri “Ultrabook”( naturalmente intesi come portatili da prestazioni elevate e dimensioni ridotte in quanto non potranno mai chiamarsi Ultrabook.

Naturalmente, come anche già detto in precedenza, non è nulla che ci stupisce più di tanto poiché è evidente che AMD voglia rimanere al passo con i suoi concorrenti diretti e così da alcune fonti interne sarebbe arrivata una dichiarazione di una possibile presentazione a Gennaio di un primo ‘Ultrathin'( praticamente un computer molto simile agli Ultrabook.

Infatti sembrerebbe che i principali produttori di sistemi informatici siano già stati avvisati da tempo da AMD circa la volontà di proporre nuove soluzione in quel settore e che già all’inizio del 2012 si potrebbe vedere il primo modello sul mercato e con una presentazione probabilmente durante il CES 2012 a Las Vegas. Sembrerebbe, inoltre, che l’azienda non abbia tanto puntato sul risparmio energetico di queste soluzioni( come Intel) ma ha cercato e sta cercando di creare delle soluzioni più potenti, soprattutto a livello grafico.

Bisognerà ancora aspettare qualche settimana per conoscere meglio i piani commerciali di AMD ma quello che sembrerebbe chiaro è che AMD non voglia tanto soffermarsi sul risparmio energetico poiché questo limiterebbe in modo eccessivo l’Hardware ma semplicemente cercare di creare una soluzione più potenti di quelle attuali senza compromettere in modo eccessivo l’ autonomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.