Guida veloce ai televisori a schermo piatto

TV

Uno dei prodotti di maggior successo, nell’ambito elettronico, degli ultimi 10 anni è stato senza dubbio il televisore a schermo piatto. Ha rimpiazzato i vecchi tv color a tubo catodico, ingombranti, pesanti, presenti nelle nostre case per più di quarant’anni. È stata la grande rivoluzione video , la possibilità di godere di grandi schermi ad un prezzo contenuto ci ha fatto sognare di essere al cinema.

I prezzi attualmente si sono notevolmente abbassati e non è difficile acquistare un televisore LED da 60 pollici a meno di € 1.000. Si può così ricreare un piccolo schermo cinematografico nella propria casa abbinando un sistema Home Thetre oppure una sound bar per migliorare l’audio è ricreare le atmosfere della celluloide.

Con questa guida cercheremo di spiegare quali sono le caratteristiche che deve avere un televisore a schermo piatto, le varie sigle che lo acompagnano, cosa significano e quali caratteristiche devono avere per soddisfare le nostre esigenze. Partiamo però dalle novità. Si sono affacciati sul mercato i nuovi schermi con risoluzione 4K, oppure ultra HD. Si tratta di pannelli che hanno risoluzioni che arrivano a 2160p il doppio di un full HD (1080p), al momento lo standard di acquisto.

Il problema è che non c’è alcuna fonte, attualmente, che può proporre video o filmati con questa risoluzione. Soltanto l’americana Netflix, il servizio di streaming che da poco arrivato anche in Italia, propone film con risoluzione in 4K., ma dato che il flusso dati arriva da Internet, bisogna avere una larghezza di banda, ed una velocità ADSL, notevole.

Led, Lcd o Plasma?

Questa domanda al giorno d’oggi non ha piú senso. All’ inizio la spinta, commercialmente parlando, c’è stata con gli lcd, soppiantati oggi dai piú economici e performanti Led, mentre il Plasma è stato abbandonato anche da Panasonic, che ne aveva fatto un suo cavallo di battaglia. Si tratta di una retroilluminazione led, ovvero piccoli finti luminose che si accendono e spengono a seconda della scena visiva. I piú costosi sono i Full led, perchè i diodi sono sparsi per tutti il pannello, i modelli piú economici sono Edge led, ovvero sparsi ai bordi del pannello.

Internet TV con schermo curvo

Guida all’acquisto

La prima cosa da capire , prima di procedere all’acquisto di un televisore a schermo piatto, è la grandezza del pannello. Si misura in pollici e rappresenta la lunghezza della diagonale, il formato è 16:9 che ha rimpiazzato il 4:3 dei vecchi tv color. La grandezza del pannello dipende dalla distanza con cui lo vedremo. Diciamo che lo standard, quello che era il vecchio nostro 26 pollici, e l’attuale 32 pollici a schermo piatto.

Un 32 pollici si può vedere da 1 m e mezzo, 2 metri. Se iniziamo ad adottare schermi maggiori, 40 pollici 46 pollici, diventati nel frattempo lo standard, vanno bene anche 3 metri. A salire, se scegliamo dimensioni da 55 a 60 pollici,  iniziamo ad avere un piccolo cinema nella propria casa e possiamo goderne della visione anche a 4 m di distanza.

Come detto il riferimento di risoluzione è quella full HD , godibile con un lettore blu ray o con film decodato in mkv o mp4.  Lasciate perdere i vecchi televisori HD ready che hanno una risoluzione minore. La novità, la caratteristicapiú interessante degli ultimi arrivati è quella di possedere delle funzioni di Smart TV. Significa che potremo connetterci ad Internet e rendere il televisore un vero e proprio centro multimediale.

Abbiamo la possibilità di navigare su Internet, fare videochiamate con Skype grazie alla telecamera talvolta integrata, vedere i video di YouTube o di altri servizi di streaming, utilizzare applicazioni Android, oppure, tramite le entrate USB vedere filmati e video in alta risoluzione. La smart tv si collega ad Internet attraverso il cavo di rete Ethernet oppure attraverso il Wi-Fi.

L’audio è un po’ il tallone di Achille dei nuovi televisori. Dato che sono poco spessi e leggeri, possono essere appesi al muro, non possono integrare delle casse di grande volume. L’audio quindi sarà un po’ fiacco, smorto. Abbiamo bisogno di una sound bar. Si tratta di una barra che viene applicata sotto il televisore o di lato. Contiene degli speaker piú grandi e potenti in grado di migliorare la qualità del suono. I prezzi partono da € 100 a salire.

Anche un sistema Home Theater può essere integrato ricreando le atmosfere del cinema. Con le due casse frontali, le due posteriori ed una cassa centrale per il parlato + un subwoofer ecco che disponiamo di un sistema dolby 5.1 oppure 7.1, il primo numero è la quantità di casse a nostra disposizione.

I prezzi

I prezzi dei televisori led sono calati tantissimo: si parte da € 250 per un modello da 32 i due pollici in full HD fino ad arrivare a € 1000 per i nuovi televisori curvi, che hanno lo schermo estroflesso. In media con 500 euro acquistiamo un buon prodotto. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Le marche più blasonate sono Samsung, LG, Philips, Sony, Panasonic. I soliti brand conosciuti dagli amanti dell’elettronica.

[[7pixel:320|keywords:|resNumCode:ZF]]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.