Chiavette USB: guida a come sceglierle

Inserito in Gadget Tecnologici da il 30 ottobre

Esempio di chiavetta USB

Oggigiorno è davvero difficile trovare qualcuno che non abbia con sé una penna USB, meglio conosciuta come “chiavetta”, ovvero una memoria di massa portatile di piccole dimensioni (qualche centimetro di larghezza e lunghezza) che è possibile collegare al pc o notebook mediante un’apposita porta USB. Il loro arrivo sul mercato ha portato alla quasi completa scomparsa di altri dispositivi di archiviazione di dati, come i floppy disk, ormai fuori produzione da diversi anni. La loro capacità, ovvero la quantità di file che riescono a contenere, è variabile e da essa dipende anche il costo. Si parte da 1 GB di memoria, per un costo di circa 2 euro, fino ad arrivare a penne USB da 256 GB, con un costo di circa 70-80 euro. In base quindi alla tipologia di dati e di lavoro al quale ci si dedica, è possibile scegliere il dispositivo più adatto alle proprie esigenze e alle proprie tasche, senza incorrere in inutili spese.

Come scegliere la penna USB?

logo-usbSe vi avvicinate per la prima volta a questo tipo di acquisto, online abbiamo trovato dei consigli utili per scegliere la chiavetta USB e che abbiamo riportato qui di seguito: la capacità del dispositivo, lo standard supportato e la velocità di trasferimento.

  1. Per quanto riguarda la capacità bisogna semplicemente riflettere sulla tipologia e sul quantitativo di dati che bisogna trasferire, se si tratta ad esempio di semplici immagini in formato JPEG ci si può accontentare di 4 o 8 GB; se parliamo invece di file con un peso di diverse decine di MB si deve optare per una 16 o 32 GB, fino ad arrivare alle capacità più elevate per file che pesano centinaia o migliaia di MB, come video ad alta risoluzione o file musicali. Senza dimenticare che la capacità dichiarata è sempre leggermente più grande rispetto a quella effettiva (ad esempio 8 GB saranno 7,45 GB effettivi), quindi è meglio mantenersi sempre un po’ larghi, soprattutto se non si ha intenzione di comperare una nuova chiavetta nel giro di poco tempo.
  2. Quando si parla invece di standard USB, ci si riferisce alla velocità massima teorica con la quale verranno trasferiti i file da e verso il computer, ed è sempre meglio scegliere l’ultima tipologia presente sul mercato, ovvero è la versione 3.1, per avere il massimo dell’efficienza.
  3. La velocità di trasferimento, infine, viene espressa in megabyte al secondo (MB/s), ovvero la velocità con la quale la chiavetta USB può leggere i file presenti sul dispositivo stesso, unitamente alla velocità con la quale può scriverci sopra i file. Quindi, a parità di capacità, è preferibile scegliere una velocità di lettura/scrittura di 30/10 MB/s, rispetto magari ad una di 15/5 MB/s.

Perché acquistare una chiavetta USB?

Tutti dovrebbero avere con sé una penna USB per diversi motivi. Innanzitutto per la facilità con la quale è possibile trasportare i propri file da un luogo all’altro, avendoli sempre a portata di mano e quindi pronti per ogni evenienza, sia che si tratti di lavoro/studio, e quindi file, documenti importanti, che di svago, come musica, foto o video.

A questa comodità si unisce poi quella di poter scegliere un dispositivo adatto alle proprie tasche, con costi abbordabilissimi per le capacità di medie dimensioni, e tantissime personalizzazioni riguardo alla forma e al colore. Ne esistono infatti di ogni tipologia: dalle più semplici con un design moderno, fino a quelle a forma di animaletto, personaggio famoso, dolcetto e tanto altro (diventando in questo modo anche un’originale idea regalo). Infine, bisogna considerare l’aspetto pratico, e quindi la possibilità di trasportare file di grosse dimensioni con pochi e semplici passaggi. Tanti buoni motivi che ci fanno ben presto capire perché conviene portare una chiavetta USB sempre con sé!

 

Inserito nel mese di ottobre 2016.
Vuoi rimanere aggiornato con le novità del blog? Sottoscrivi il nostro feed RSS.

Lascia un Tuo Commento: