Linux contro Windows: Vince sempre Microsoft?

Inserito in Capirci di più da il 3 gennaio

Ogni ambito del mercato elettronico ha le proprie sfide: in quello dei pc desktop e portatili, due contendenti di primo piano sono certamente Microsoft con il suo sistema Windows, e Linux, con le sue distribuzioni caratterizzate da vari aspetti.

Negli ultimi anni la tendenza ha visto molti utenti passare al lato open source dell’informatica, preferendo sistemi Linux a quelli tradizionali Windows, soprattutto per rivitalizzare macchine con un hardware ormai superato, o da parte di utenti più esperti che amano la possibilità di agire sul sistema operativo in maniera diretta per realizzare le proprie esigenze. Ecco quindi i motivi più ricorrenti che portano gli utenti ad abbandonare Windows per passare a Linux, leggendo i quali potreste essere invogliati ad effettuare un tentativo.
I sistemi Linux sono indubbiamente molti, ed i suoi detrattori affermano che questa diversificazione è la sua debolezza: al contrario coloro che la stimano affermano che la differenziazione delle distribuzioni non è altro che un vantaggio per l’utente che può scegliere quale sistema si confà maggiormente al proprio utilizzo. Si passa quindi dalle distribuzioni più user friendly, che riproducono un ambiente desktop per gli utenti che vogliono sfruttare il proprio pc, a quelle più specifiche per la gestione dei server.

La personalizzazione è quindi un aspetto molto interessante ed attrattivo del mondo Linux, le cui distribuzioni sono pressocchè totalmente configurabili. Non vi piace l’interfaccia utente? Nessun problema: basta sceglierne un’altra, installarla, ed iniziare l’utilizzo senza che alcun cavillo legale o restrizione di tipo commerciale possa impedirlo.

La qualità di open source è quella indicata dagli utenti più esperti come cruciale nella preferenza accordata ai sistemi Linux: nessun costo da corrispondere per l’utilizzo di alcun software (a meno che non sia distribuito per Linux dietro una licenza), ed il codice è sempre disponibile per eventuali modifiche da parte degli sviluppatori: un universo di aggiustamento ed app su misura che potrebbero accontentare i gusti di chiunque. Il grande numeri di programmatori riuniti nelle comunità ha portato alla creazione di distribuzioni Linux assolutamente affidabili, basti pensare che l’uptime dei server basati su Linux si misura addirittura in anni.

Il codice dei sistemi operativi linux, ed il modo di operare in relazione all’hardware infine, rendono le distribuzioni Linux molto più rapide nell’eseguire le operazioni rispetto in generale a Windows, da qui la ragione per la quale le macchine più antiche vedono il loro impiego rifiorire quando incontrano Linux.

Solo alcuni spunti di riflessione per coloro che hanno voglia di qualcosa di più specifico o differente: eseguendo qualche ricerca su Internet, sarà certamente possibile individuare la distribuzione Linux che meglio si adatta alle nostre aspettative.

 

Inserito nel mese di gennaio 2012.
Vuoi rimanere aggiornato con le novità del blog? Sottoscrivi il nostro feed RSS.

Ci sono 2 Commenti. Inserisci anche il tuo

2 Commenti su 'Linux contro Windows: Vince sempre Microsoft?'

Sottoscrivi un commento con RSS o TrackBack a 'Linux contro Windows: Vince sempre Microsoft?'.

  1. Luciano scrive,

    il 11th novembre , 2013 alle ore 12:01 pm

    Articolo ben scritto. Solo non condivido l’idea dominante in questo periodo secondo la quale nella maggior parte dei casi Linux venga utilizzato per rivitalizzare vecchio Hardware. Chi lo fa solitamente è già un utente Linux. Questo, spesso, avviene nei laboratori delle scuole.

  2. lithops scrive,

    il 11th novembre , 2013 alle ore 12:13 pm

    Non c’è solo quello, qui viene detto solo che Linux è più veloce e richiede meno risorse.

Lascia un Tuo Commento: